src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">

L’Italia non delude le attese e distrugge le Filippine per 108-62. Ora lunedì con l’Angola per il passaggio del turno

Il Mondiale FIBA inizia nei migliori modi per l’Italia che batte per 108 a 62 le Filippine a Foshan. Prova importante di tutto il roster che il coach Sacchetti fa ruotare e soprattutto un primo tempo che chiude la pratica con 20 minuti d’anticipo. L’Italbasket parte con il quintetto migliore: Datome, Hackett, Gallinari, Belinelli, Biligha.

Primo quarto fantastico con i due NBA che disegnano e Datome e Hackett che segnano in continuazione. Le Filippine capiscono subito che sarà una serata dura e finiscono per commettere molti falli ma dopo 10 minuti il punteggio già da la sua sentenza: 37 a 8 per gli azzurri. Il secondo quarto inizia con le rotazioni del coach ma il copione non cambia anzi l’Italia dilaga e finisce il primo tempo avanti di 38 punti.

Il secondo tempo vede l’Italia gestire la gara con facilità nonostante i filippini non mollino la presa. Seconda frazione che vede bene gli ingressi di Della Valle, Tessitori e Jeff Brooks in entrambe le fasi di gioco. Il match termina 108-62 con buone statistiche: 58,2% al tiro e 48,4% da tre. Gigi Datome è il best scorer assieme a Della Valle con 17 punti in 16 minuti, Belinelli chiude con 9 punti, 3 rimbalzi e 4 assist mentre Gallinari con 16 punti e 4 assist. Lunedì l’Italbasket giocherà la gara con l’Angola che può significare passaggio del turno (ore 9.30 su Sky).

Boxscore Italia-Filippine 108-62

Italia: Datome 17, Hackett 7, Belinelli 9, Gallinari 16, Biligha 8. Panchina: Filloy 7, Vitali 2, Gentile 6, Della Valle 17, Tessitori 9, Abass 2, Brooks 8.

Filippine: Norwood, Aguilar 2, Barroca 2, Blatche 15, Pogoy 2. Panchina: Fajardo 9, Dalistan 2, Rosario 2, Ravena 5, Perez 15, Almazan 2, Bolick 6.

Di Giuseppe Capizzi

Sono un 28enne napoletano con la passione per lo sport. Seguo tutte le principali competizioni sportive ma in particolare sono malato di calcio e NBA. Amo viaggiare e credo che l'esperienza formativa più grande sia stata visitare New York.

Caricamento...