Il pilota tedesco quattro volte campione del mondo non è soddisfatto della proposta di correre a griglia invertita, ritornata in auge dopo le ultime ripartenze dei GP italiani .

Una proposta che è nata lo scorso anno durante l’incontro di Ginevra (qui l’articolo) e che ha trovato in Ross Brawn uno dei suoi principali sostenitori.

Toto Wolff, TP della scuderia che verrebbe più colpita dalla novità, non vide di buon occhio la cosa e anche oggi afferma: “Siamo la Formula 1, mica un reality show”,. Ma anche molti piloti non furono contenti dell’idea della griglia invertita, fra cui Charles e Vettel, il quale è tornato ad affermare il suo “no”:

“E’ contro l’anima dello sport e della competizione. Dobbiamo risolvere la questione e affrontare i punti principali piuttosto che cercare di giocare alla lotteria. Da pilota devo accettare se gli altri vincono o fanno un lavoro migliore. Quindi penso che sarebbe sbagliato, in nome dello sport, cercare di mescolare le cose in questo modo. Se si sta spingendo in questa direzione è la testimonianza del fatto che non si è riusciti a trovare regolamenti e strumenti in grado di avvicinare maggiormente il gruppo e di rendere le gare migliori sulla pista. Abbiamo avuto nuovi regolamenti sulle ali anteriori che sono costati una fortuna a tutti, ma alla fine non hanno cambiato molto in termini di lotta in pista“.

Di Francesco Gatta

Nato a Napoli nel 1993, da sempre sono un appassionato di sport. Dall'atletica, con le Olimpiadi, fino ai motori. Ho iniziato a scrivere articoli sportivi nel Luglio 2019 occupandomi di Rugby e F1. Tra le infinite passioni che ho (troppe per il tempo che ho a disposizione!) c'è anche quella per le scienze naturali che seguo sempre con interesse.

Caricamento...