src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">

Generation Awards 2022: ecco qual è la miglior partita di basket del 2022 secondo la nostra redazione

Bentornati a tutti voi lettori nella nostra consueta rassegna annuale dove la nostra redazione elegge i migliori dell’anno che sta per passare. Questa è la quarta edizione dei Generation Awards e non vogliamo togliervi altro tempo svelando subito i vincitori dei premi in questione. Per quanto riguarda la categoria del basket, in questo articolo vi parleremo del miglior match dell’anno. Il premio come miglior partita dell’anno 2022 va a Serbia-Italia 86-94, ottavi di finale di Eurobasket 2022. Questo match è stato scelto per i motivi che fra poco vi illustreremo ma prima vi vogliamo citare alcune delle partite più belle dell’anno. Ci ha messo in grossa difficoltà gara 6 delle Eastern Conference Finals fra Milwaukee e Boston con i 44 punti di Antetokounmpo e i 46 punti di Tatum. Da citare anche gara 1 delle Western Conference Finals fra Memphis e Golden State e gara 4 delle Finals fra Boston e la stessa Golden State.

Perchè Serbia-Italia è la miglior partita dell’anno?

In primis il motivo non può che essere sentimentale. É la partita che da italiani ci ha più emozionati in questo anno e ci aveva fatto sognare in qualcosa di storico. Battere per la seconda volta di fila la Serbia, nota bestia nera azzurra, e con l’MVP della NBA Nikola Jokic in campo è stato un punto altissimo della storia dell’Italbasket. Un regalo fantastico per un percorso importante degli azzurri all’europeo con un girone vissuto in casa fra entusiasmo e calore e infine l’amarezza del quarto perso contro la Francia all’overtime. Pozzecco ha saputo ereditare il gruppo di Meo Sacchetti, ci ha messo tanto del suo sia sul piano tecnico che su quello emotivo e ha fatto sognare tantissimi tifosi. Le triple di Spissu, uno stoico Nik Melli, un grande Achille Polonara e il solito Simone Fontecchio trascinatore. Un gruppo però estremamente unito che ha spinto tutti insieme compresi i Baldasso e i Tessitori che non hanno messo piede sul parquet.

Infine la gara intensa e giocata alla grande dalle due squadre che ha appassionato tantissimi tifosi anche sull’arena di Berlino. La Serbia parte bene nel primo quarto e firma l’allungo grazie alle triple di Marinkovic e Kalinic e sfruttando la situazione falli chiudendo sul +8. L’Italia prova a rimanere attaccata nel secondo quarto nonostante gli strappi di Jokic e compagni e va all’intervallo lungo sotto di 6 lunghezze. La ripresa mostra invece il primo ribaltone azzurro ispirato da una grande difesa e dalle triple di Spissu che firma anche il primo vantaggio a 2:29 dalla fine del terzo quarto. Gli ultimi 10 minuti sono pura apoteosi italiana: Spissu continua a bombardare da tre e allunga, si aggiunge anche Polonara mentre Melli stoppa e prende rimbalzi come fosse alto 3 metri. Nel finale l’Italbasket sfrutta al meglio la situazione falli. É perfetta dalla lunetta e tiene a distanza di sicurezza i serbi per poter esultare alla sirena finale. Marco Spissu chiude con 22 punti e 6 assist, 21 con 6 rimbalzi, 4 assist e 2 stoppate per Melli. Fontecchio piazza invece 19 punti e 5 rimbalzi, 16 e 8 rimbalzi per Polonara. Una fotografia che rimarrà impressa come quella di Pozzecco che salta addosso ad Antetokounmpo nel tunnel degli spogliatoi.

Albo d’oro

Di Giuseppe Capizzi

Sono un 28enne napoletano con la passione per lo sport. Seguo tutte le principali competizioni sportive ma in particolare sono malato di calcio e NBA. Amo viaggiare e credo che l'esperienza formativa più grande sia stata visitare New York.

Caricamento...