GenerationSport presenta la rubrica dedicata ai talenti, purtroppo, dimenticati che hanno militato nel campionato di Serie A: oggi proseguiamo con Jean François Gillet

Il protagonista del secondo episodio della nostra rubrica dedicata ai fenomeni dimenticati è una vera e propria ‘icona nascosta’ del calcio italiano, stiamo parlando infatti di un calciatore che ha militato per 15 anni consecutivi nei nostri campionati diventando lo straniero con più presenze nella storia della Serie B (357 partite disputate). Stiamo parlando ovviamente di Jean François Gillet, ovvero uno dei portieri più sottovalutati e talentuosi che abbiano militato nel nostro campionato negli anni recenti.

Dalla lunga militanza tra Serie A e Serie B alla nazionale belga

Prima del colosso Thibaut Courtois, il Belgio poteva fare affidamento su Jean François Gillet, estremo difensore in forza al Bari per ben 11 stagioni per poi passare al Torino, Bologna e Catania. Con la maglia dei Belgian Red Devils, Gillet si è reso protagonista di 9 presenze tra il 2009 ed il 2016. La sua affidabilità e l’esperienza maturata nel corso della sua longeva carriera passata costantemente ad alti livelli, hanno permesso a Gillet, una volta appesi i guantoni al chiodo, di ricoprire il ruolo di preparatore dei portieri nello staff dello Standard Liegi, la società che l’ha lanciato nel calcio professionistico.
Ciò che più sorprendeva era la sua agilità felina, un vero e proprio prodigio nei riflessi tanto da sopperire ad un altezza piuttosto minuta per il suo ruolo (181 cm).
Nella sua carriera si è reso protagonista di gesti atletici memorabili, in allegato un video che mostra alcune delle sue prodezze:

Caricamento...