src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">
A place where you need to follow for what happening in world cup

F1 – Carlos Sainz a Silverstone: “La macchina era forte e aveva un buon bilanciamento”

0 11

La Gara di Sainz è stata rovinata da un errore ai box, ma il pilota elogia l’attuale condizione della Ferrari.

Al Gran Premio di Gran Bretagna (2021) Carlos Sainz si rende protagonista ancora una volta di una straordinaria rimonta, sfruttando molto bene la gomma medium. Questa volta però contrastata da un errore al pit stop che ha condizionato la gara del ferrarista.

Carlos al primo cambio gomme ha dovuto attendere ai box 12.2s, quasi come se avesse dovuto scontare una penalità. Rientrato in pista la gara è stata tutta da rifare e una volta raggiunto Ricciardo non è riuscito ad effettuare il sorpasso, pur entrando più volte nel raggio del DRS. Sainz si è quindi dovuto accontentare di un sesto posto.

“Di sicuro non è stata la migliore delle gare possibili, ma in generale quello di oggi è davvero un ottimo risultato per il team, con tante cose positive da portare a casa. La macchina era forte e aveva un buon bilanciamento, segno che tutto il lavoro che abbiamo fatto sul setup sta dando i suoi frutti. 

Entrambe le partenze sono state buone e mi hanno permesso di lottare con Ricciardo. Passarlo in pista però era davvero difficile. Avevo aria sporca in curva, quindi non potevo avvicinarmi abbastanza, e nei rettilinei ci mancava velocità di punti.

Dopo il suo pit stop, in aria pulita ero davvero veloce e sono riuscito a fare virtualmente l’overcut su di lui prima di fermarmi anche io. Purtroppo il pit stop è stato lento. Il team quest’anno ha fatto sempre ottimi pit stop, sono cose che capitano.

Ho fatto del mio meglio per sorpassare la McLaren nel secondo stint, ma abbiamo avuto lo stesso problema del primo, e così ho chiuso sesto. Bravissimo Charles, che è quasi riuscito a portare a casa una vittoria! Questa gara ci dà buone sensazioni per l’Ungheria e per la seconda parte della stagione. Continuiamo a spingere.”


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.