A place where you need to follow for what happening in world cup

F1 – La Renault si scusa con Ocon per il ritiro ad Imola.

0 17

Ennesimo ritiro per il pilota francese. La Scuderia ritiene doveroso chiedere scusa.

Se da un lato la Renault si trova a festeggiare il secondo podio di Ricciardo, dall’altro deve fare ammenda per il terzo ritiro in cinque gare, il quarto da inizio stagione (Styria, Toscana, Eifel, Emilia Romagna).

Al sabato di Imola Ocon si era piazzato 12°, ma per la gara avrebbe chiuso quasi sicuramente in zona punti. Purtroppo al 29° giro ha riscontrato un problema al cambio e si è dovuto ritirare dopo aver effettuato anche un pit-stop anticipato per uno strappo ai condotti dei freni.

Il team, attraverso le parole di Abiteboul, ha ritenuto quindi di doversi scusare pubblicamente con il pilota francese

CERYL ABITEBOUL

“Vorrei scusarmi con Esteban per l’ennesimo ritiro a causa di un problema tecnico. Non era lontano in qualifica e ha avuto un buon inizio nonostante lo stop anticipato per il problema ai suoi condotti.

“Ha poi sofferto di un problema al suo cambio e ha dovuto ritirarsi. È un peccato perché Daniel ha dimostrato che quando la macchina è al lavoro c’è ritmo e competitività “.

Il pilota francese è comunque riuscito a portare a casa 40 dei 135 punti della Scuderia che ora siede al terzo posto della classifica (McLaren e R.P. entrambe a 134), cosa impensabile ad inizio anno!

ESTEBAN OCON

“Nel complesso è stato un week-end difficile, con un susseguirsi di sfortune. Abbiamo avuto uno strappo nel condotto del freno, il che significava che ci siamo fermati prima risolvere questo problema e poi ci siamo fermati per quello al cambio.

Tuttavia sono molto contento per la squadra, per questo nuovo podio , complimenti a Daniel. Stiamo andando forte e fa ben sperare per il resto della stagione e per i mesi a venire. Adesso siamo terzi in campionato; quindi è bello finire il weekend in questo modo “.


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.