src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">
A place where you need to follow for what happening in world cup

F1 – Pirelli, Isola commenta “Condizioni test forse non rappresentative per la gara”

0 6

Per il primo appuntamento in Bahrain Pirelli sceglie gli stessi set dello scorso anno, ma è stata ridotta la pressione per aumentarne la durabilità.

La Formula 1 ricomincia dal GP del Bahrain (26-28 marzo), su cui si sono corse due delle ultime gare del 2020. Nonostante il periodo diverso dell’anno, Pirelli opta per la stessa scelta di gomme fatta su entrambi gli appuntamenti 4 mesi fa.

Set Bahrain 2021

C2  P Zero Bianco Duro (2 set)
C3 P Zero Giallo Medio (3 set)
C4 P Zero Rosso Morbido (8 set)

(a questo link troverete la pagina Pirelli in cui spiega come funziona l’intera gamma)

Pertanto, su quello che la casa italiana definisce come “uno de circuiti più abrasivi “, la scelta ricade su un set di gomme di livello medio. I team sono molto preparati su questa gomma, essendosi concentrati maggiormente su di essa durante i test per-stagionali.

Le gomme usate nel 2021 sono in pratica le stesse dell’anno precedente, ma sono state modificate per aumentarne la durabilità e su richiesta della F1, già ai test di fine 2020, la pressione delle gomme posteriori è stata ridotta del 0.5psi ( pound per square inch, circa 0,034atm), mentre quella delle anteriori di 1.5psi (0,1atm). Ai test pre-stagionali è avvenuta poi una ulteriore riduzione di 1.5psi e ora la pressione delle gomme è di 21.0psi (anteriore) e 19.0psi (posteriore).

MARIO ISOLA

“Appena quattro mesi dopo aver disputato due gare in Bahrain, e due settimane dopo i tre giorni di test pre-campionato, siamo tornati per la prima gara della stagione 2021. Durante il test abbiamo visto molte squadre concentrate sulle mescole nominate per il gran premio, ma le condizioni che abbiamo vissuto nei test potrebbero non essere del tutto rappresentative della gara.”

“I team hanno anche condotto un’ampia varietà di programmi diversi durante solo l’unica sessione condensata, mentre in passato, con due sessioni di test, la seconda sessione era solitamente più rivolta alle gomme. Quindi è difficile trarre molte conclusioni ferme. Con le nuove specifiche di auto e pneumatici, così come la pre-stagione più breve nella memoria recente, la competizione è spalancata: soprattutto dato che le caratteristiche della pista del Bahrain hanno spesso portato a interessanti battaglie strategiche, con una serie di tattiche diverse utilizzate “.


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.