Quantcast
A place where you need to follow for what happening in world cup

Ferrari firma il Patto della Concordia valido fino al 2025.

0 10

La Scuderia italiana è presente in Formula 1 dalla sua nascita nel 1950. E’ una parte essenziale di questo sport e continuerà ad esserlo.

Già nelle scorse settimane Mattia Binotto aveva espresso la volontà delle Scuderia a firmare il prima possibile. Ora la Ferrari ha confermato il proprio impegno a rimanere nel motorsport firmando il nuovo Patto della Concordia, l’accordo commerciale che delinea i termini in base ai quali i team di Formula 1 si sfideranno nel campionato fino al 2025.

LEGGI ANCHE: PATTO DELLA CONCORDIA RINVIATA LA PRIMA SCADENZA

Louis Camilleri, ai Festeggiamenti per il successo del GP d’Italia 2019

LOUIS CAMILLERI (CEO della Ferrari)

“Siamo lieti di aver sottoscritto nuovamente il Patto della Concordia, che regolerà la Formula 1 per i prossimi cinque anni”

È un passo importante per garantire la stabilità e la crescita di questo sport. Siamo molto fiduciosi che la collaborazione con la FIA e Liberty Media possa rendere la Formula 1 ancora più attraente e spettacolare, pur preservando il suo status di ultima sfida tecnologica.

Le corse sono nel DNA della Ferrari e non è un caso che la Scuderia sia l’unica squadra che ha partecipato ad ogni edizione del Campionato del Mondo FIA di Formula Uno, diventando parte integrante ed essenziale del suo successo, oggi come in passato e, soprattutto tutto, in futuro. “

Chase Carey F1

 CHASE CAREY (presidente della Formula 1)

“La Scuderia Ferrari e la Formula 1 vanno di pari passo dal 1950 e siamo felici che questo rapporto sia destinato a continuare per molto tempo, in quanto fa parte del DNA di questo sport.

Nel percorso che ha portato alla definizione del nuovo Patto della Concordia, abbiamo potuto apprezzare il ruolo costruttivo della Ferrari, da sempre volto a rendere l’apice del motorsport più forte, più equo e più sostenibile.”

PER APPROFONDIRE: PERCHÉ WOLFF E MERCEDES NON FIRMANO IL PATTO DELLA CONCORDIA?


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.