Quantcast
A place where you need to follow for what happening in world cup

Il caso Vettel-Ferrari. Si “vocifera” di un addio anticipato.

0 34

Sebastian Vettel attacca la Scuderia e le sue scelte strategiche al 70° Anniversario. Il ferrarista non digerisce quel pit-stop anticipato e iniziano a girare voci di un addio che arriverà prima del previsto!

Pessima stagione per Sebastian Vettel. Il pilota 4 volte campione del mondo, dal suo approdo in Ferrari ha iniziato una spirale discendente che è sfociata nei più recenti risultati di Silverstone.

Ma il suo percorso potrebbe avere presto fine, forse anche prima del previsto, grazie ad un addio anticipato che delle voci danno per possibile, così come riportato da Il Giorno. Come evidenziato queste sono solo voci e vanno prese con il giusto peso, ma vediamo cosa è successo durante l’ultimo week-end e cosa ha scatenato l’ultima bagarre Ferrari.

A Silvestone 2 (GP 70° Anniversario) la gara inizia con un testa coda di Vettel (Curva 1 – Abbey), ma il pilota riesce velocemente a recuperare posizioni, fino a risalire alla nona posizione al 21esimo giro, davanti a Charles Leclerc, che aveva fatto la sua unica sosta di gara al 18esimo giro.

Vettel viene quindi richiamato a i box per sostituire la sua gomma dura con una media. Questa scelta non è stata digerita bene da Sebastian che attacca la Scuderia e le sue scelte strategiche già dai team radio in pista e poi nelle interviste.

“Sono state due settimane negative, non so cosa sia successo, di certo al momento non sono le migliori giornate per me, è un po’ frustrante. A Silverstone (seconda gara) ho provato a fare qualcosa, ma il testa-coda del primo giro non ha aiutato. Non so cosa sia successo, ho cercato di tenermi fuori dai guai ma ho avvertito un colpo, deve essere stato il cordolo, e questo mi ha fatto perdere aderenza e mi ha fatto girare.”

Nel filmato qui di seguito si può vedere l’episodio di Cuva 1 da diverse prospettive. Inoltre viene mostrato anche come Ricciardo, un paio di giri dopo, abbia perso la sua monoposto nello stesso punto.

Seb poi attacca la strategia della ferrari riguardo alle soste. Al tedesco non va giù il pit-stop anticipato.

“Sono riuscito a tornare in gruppo molto rapidamente, ma la strategia non era buona. Abbiamo fatto esattamente ciò che volevamo evitare, quindi non so cosa abbiano pensato al muretto in quel momento…

“Siamo partiti con gomma dura e l’abbiamo usata solo per dieci giro p forse anche meno, non ha alcun senso. Voglio dire: perché abbiamo montato una dura per usarla solo dieci giri per poi montare una media per 20 giri? nella parte finaleero a corto di gomma.”

Vettel pensa che questa scelta strategica possa essere stata fatta per tenere lontani i due ferraristi, ma così ci è andato a perdere lui.

Avevo abbastanza velocità per restare fuori. Quelli che erano davanti a me dopo il mio pitstop stavano facendo gli stessi tempi sul giro che ho fatto io con le gomme più vecchie. Forse non abbiamo avuto il coraggio di farci sorpassare da Charles in pista, e abbiamo preferito farmi fermare per evitarlo. Anche con il brutto primo giro, avremmo potuto guadagnare molto terreno oggi”

Mattia Binotto difende le scelte strategiche e sposta la colpa sul testa-coda di Curva 1, poi spiega le parole del pilota con il momento difficile che sta attraversando.

Penso che ci sia poco da dire, forse l’abbiamo fatto fermare un giro in anticipo. Ma sapevamo che avrebbe recuperato tempo e posizioni: la sua gara è stata compromessa in partenza con il testacoda più che dalla scelta della strategia. Non penso che abbia perso la fiducia sulla squadra, è un momento difficile per lui”


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.