A place where you need to follow for what happening in world cup

Ferrari: il Codacons chiede il sequestro della SF1000!

0 26

L’ente di tutela dei consumatori attacca la Ferrari per la presenza del marchio Mission Winnow legato a Philip Morris

Subito dopo la presentazione della SF1000 arriva il primo problema per la Scuderia Ferrari. In realtà non è un problema nuovo. Il divieto da parte delle aziende del tabacco di sponsorizzare le vetture della Formula 1 è in atto ormai da tempo.

Questo però non ha evitato a queste aziende di trovare un modo per aggirare il divieto, creando marchi paralleli e sponsorizzare con quelli le Scuderie o altre aziende impegnate in ricerca e sviluppo di nuove tecnologie.

Per Pilip Morris infatti i loro investimenti attraverso il marchio Mission Winnow sono volti ad una…

…scienza e un’innovazione rigorosa che possano condurci verso un futuro migliore. Questa piattaforma globale costituirà una finestra verso la nuova PMI e ci consentirà di sfidare i pregiudizi, poiché sappiamo che molti potrebbero nutrire dubbi su di noi e sulle nostre motivazioni. La nostra partnership con Scuderia Ferrari ci offre l’opportunità di sfruttare gli spunti ottenuti nel corso di numerose discussioni incoraggianti sia con i sostenitori che con i detrattori, e raggiungere un ampio pubblico per coinvolgerlo su larga scala”.

Ma la Codacons non ne è convinta e come in passato torna ad attaccare la Ferrari ed il marchio Mission Winnow ad essa associato:

Inizieremo una battaglia legale contro la Ferrari, presentando una nuova denuncia all’Antitrust e al Ministero della Salute e chiederemo al NAS di sequestrare la nuova monoposto SF1000 presentata a Reggio Emilia

Questo tipo di azioni contro i marchi del tabacco sono comuni anche in altri paesi. Infatti anche altri marchi del tabacco usano questo metodo per sponsorizzare le Scuderie. E proprio di oggi l’esempio dato dalla McLaren che già a novembre aveva annunciato la sponsorship di BAT (British American Tobacco) per il 2020 attraverso il marchio A Better Tumorrow”.


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.