A place where you need to follow for what happening in world cup

McLaren ha riscontrato vari problemi in Messico. Per quale motivo?

0 15

Brutta giornata quella di domenica per i piloti McLaren. Sainz P13, Norris non ha mai raggiunto il traguardo!

La giornata delle qualifiche aveva visto i due piloti McLaren classificarsi settimo e ottavo. Durante la gara, però, tutto il lavoro svolto è andato buttato.

Sainz dopo una buona partenza riesce anche a superare Hamilton che ha perso terreno nel contatto con Verstappen. Poi quacosa va storto e il pilota viene superato da una vettura dopo l’altra. Sainz spiega perché:

“È stato un pomeriggio brutto e frustrante per tutta la squadra. Dopo una qualifica così forte ieri e un ottimo inizio oggi, riuscendo ad arrivare in P4, è stato molto deludente tornare indietro dopo il primo pit-stop. La gomma dura ha semplicemente rovinato la nostra gara. Dobbiamo analizzare in dettaglio cosa è successo e perché abbiamo avuto un periodo così scarso in quella mescola. Austin è proprio dietro l’angolo, quindi non c’è tempo da perdere. Terremo la testa bassa E lavorare sodo per tornare più forte il prossimo fine settimana.”

Lando Norris prima perde molto tempo per un errore nei pit-stop, dopodiché a causa di problemi alla vettura, Lando viene fatto ritirare:

“Ho avuto un altro ottimo inizio, una buona prima curva e sono riuscito a superare una delle Red Bulls e una della Mercedes. Il mio primo periodo è stato buono e abbiamo avuto un ritmo migliore rispetto al Toro Rosso. Penso che il problema al pit-stop fosse per un dado avvitato male, non sono troppo sicuro, ma la squadra ha deciso di giocare in sicurezza fermando immediatamente la macchina e riportandola indietro per controllarla.

Dopo il pit-stop Lando si ritrova distaccato di un giro

“Mi trovavo sotto di un giro e ho dovuto rispettare diverse bandiere blu (bandiere che costringono un pilota a lasciar passare i piloti più veloci) queste hanno reso la gara ancora più difficile. Alcuni parametri della macchina erano oltre il limite e ci siamo ritirati per evitare ulteriori danni “.


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.