src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">
A place where you need to follow for what happening in world cup

PRO14 Highlights: Zebre-Edinburgh (10-26) (R11). Gli scozzesi hanno la meglio!

0 13

VIDEO – Le Zebre non riescono a sfruttare il vantaggio numerico e buttano via il match di recupero contro l’Edinburgh.

Il match inizia con un piazzato di van der Walt fra i pali al 4’ a cui le Zebre riescono a rispondere solo al 25′ (3-3). Al 34′ si gioca sui ventidue dell’Edinburgh che ha la rimessa dalla sua parte e la sfrutta bene. L’ovale viene fatto muovere lungo la linea velocemente e altrettanto velocemente entra nella metà avversaria. Farnadale è abilissimo nel recuperare un calcio rasoterra e poi nel riciclarla per Bennett i quale schiaccia la marcatura che fissa il risultato fino alla chiusura del primo tempo (3-10).

Nella ripresa le Zebre sembrano essere tornate in campo con una forza ritrovata e vanno oltre la meta con le prime azioni di gioco. al 43′ l’attacco sale fin sotto la linea di meta e gli ultimi metri vengono fatti con una poderosa spinta di Sisi che porta Kearney e l’ovale oltre la linea (10-10).

Purtroppo per i multicolor il resto del match sarà tutto in salita. Le Zebre concedo due punizioni (10-16) e poi non riescono a sfruttare la superiorità numerica avuta per tutti gli ultimi venti minuti dell’incontro. L’arbitro manda, infatti, al 59′ Willem Petrus Nel in panchina con un giallo per un fuorigioco e poi al 69′ c’è placcaggio pericoloso di Taylor che gli costa un rosso.

In 14 però l’Edinburgh si dimostra la squadra migliore in campo e segna un’altra punizione prima di chiudere il match con una meta all’80’.

ZEBRE (10) = M: Kearney(43′) T: Canna(44′) P: Canna(25′)
EDINBURGH (22) = M: Bennett(34′);Farndale(80′) T: van der Walt(34′,80’+1′) P: van der Walt (4′,47′,53,73′) C: Nel (giallo 59′); Taylor (rosso 69′)

PRO14 Highlights: Zebre vs Edinburgh (10-26) (Round 11) (23.01.2021)


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.