src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">
A place where you need to follow for what happening in world cup

Sospeso il capitano dell’Argentina Pablo Matera!

0 58

Una serie di tweet xenofobi risalenti a 9 anni fa hanno spinto il team argentino a sospendere il suo capitano e altri due giocatori.

La Rugby Union Argentina ha comunicato di aver sospeso Pablo Matera, capitano della Nazionale argentina e anche i giocatori Guido Petti Pagadizábal e Santiago Socino, fino a quando non verrà definita una sanzione disciplinare.

L’ente argentino ha condannato fermamente i commenti discriminatori e xenofobi pubblicati dai membri della squadra di Los Pumas sui social network e, riunitosi urgentemente, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato:

– La revoca della carica da capitano di Pablo Matera e la richiesta allo staff di proporre un nuovo capitano al Consiglio Direttivo.

– La sospensione dalla Nazionale per Pablo Matera, Guido Petti e Santiago Socino fino a quando non verrà definita la loro situazione disciplinare.

– L’avviamento di un processo disciplinare per i tre giocatori menzionati.

“Sebbene i messaggi siano stati espressi tra il 2011 e il 2013 e non rappresentino l’integrità come persone che i tre hanno mostrato durante questo periodo a Los Pumas, dalla Federazione Argentina di Rugby condanniamo qualsiasi espressione di odio e consideriamo inaccettabile che coloro che li esprimono rappresentino il nostro Paese.”

A seguito di ciò Matera ha cancellato il suo account Twitter e ha pubblicato delle scuse tramite Instagram:

“Ho avuto un periodo difficile. Mi vergogno molto. Mi scuso con tutti coloro che sono stati offesi dalle atrocità che ho scritto. In quel momento non immaginavo chi sarei diventato. Oggi devo farmi carico di quello che ho detto 9 anni fa.

“Mi dispiace anche per la mia squadra e la mia famiglia per ciò che devono attraversare a causa delle mie azioni e grazie alle persone che mi amano e che mi supportano”.


Ancora non ci segui sui social?

Allora clicca subito sui bottoni qui sotto e non perdere nemmeno una notizia

FACEBOOK

TWITTER

TELEGRAM


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.