src="https://cdn.ampproject.org/v0/amp-auto-ads-0.1.js">

Generation Awards 2022: ecco chi è il miglior allenatore di calcio del 2022 secondo la nostra redazione

Bentornati a tutti voi lettori nella nostra consueta rassegna annuale dove la nostra redazione elegge i migliori dell’anno che sta per passare. Questa è la quarta edizione dei Generation Awards e non vogliamo togliervi altro tempo svelando subito i vincitori dei premi in questione. Proseguiamo con la categoria calcio con il premio che va al tecnico che si è più distinto in questo anno solare. Il premio come miglior allenatore del 2022 va a Carlo Ancelotti, coach del Real Madrid. Carletto ha battuto una folta schiera di avversari che lo insidiavano ma la nostra redazione ha voluto scegliere il 63enne di Reggiolo. Nota di merito va certamente data a Lionel Scaloni, CT dell’Argentina campione del mondo, e a Stefano Pioli per il ritorno al successo del Milan in campionato. Guardiola e Klopp erano altri due candidati come in tutte le stagioni, non si può non citare Regragui per il miracolo svolto con il Marocco. Ma adesso vi spieghiamo il perchè della scelta di Sir Carlo.

Perchè Ancelotti è il miglior allenatore dell’anno?

Il motivo principale è quello che lo accompagna da tanto tempo nella sua carriera, le vittorie. Carlo Ancelotti ha riportato in casa merengue ben 4 trofei nel 2022, anno del suo ritorno in panchina. L’anno è iniziato al meglio con la vittoria della Supercoppa Spagnola contro l’Athletic Bilbao e qualche giorno dopo sono anche arrivate le 150 panchine in Blancos. Il tecnico ha poi completato il suo palmares con l’unico trofeo che gli mancava al Real, la vittoria della Liga. Ancelotti è cosi diventato il primo allenatore a vincere i 5 massimi campionati europei (Serie A, Premier League, Bundesliga, Ligue 1 e appunto Liga). Un traguardo straordinario che lo consegna nella leggenda.

Ma Carletto non ha di certo finito qui. Il 28 maggio ha battuto il Liverpool nella finale di Champions League dopo una cavalcata epica nella fase ad eliminazione diretta. Ancelotti si è preso così un altro record: è diventato l’allenatore più vincente nella storia della competizione con 4 successi più altri due da calciatore. La nuova stagione è iniziata con l’ennesimo successo e l’ennesimo primato. Il Real Madrid ha vinto la Supercoppa UEFA contro l’Eintracht Francoforte e anche qui si tratta del quarto successo per il 63enne, più di chiunque altro. Infine dopo il successo contro il Celtic nei gironi di Champions, Ancelotti diventa l’allenatore con il numero maggiore di vittorie nella massima competizione superando Sir Alex Ferguson.

L’allenatore emiliano veniva inoltre da alcune annate non brillanti fra Napoli ed Everton e molti lo avevano già etichettato come bollito. Ancelotti ha saputo perfettamente prendersi la sua rivincita personale dimostrandolo a modo suo sul campo. Infine l’ultima motivazione della nostra scelta ricade sul lato umano. Carletto ha saputo creare un gruppo solido nei Blancos, è spesso descritto come un secondo padre dai giovani e anche l’inserimento del figlio Davide ha giovato in questo. La fotografia dell’abbraccio padre-figlio dopo la semifinale con il Manchester City e quella con il sigaro fra Vinicius e Rodrygo sul pullman dei festeggiamenti rispecchia pienamente questo spirito magico.

Albo d’oro

Di Giuseppe Capizzi

Sono un 28enne napoletano con la passione per lo sport. Seguo tutte le principali competizioni sportive ma in particolare sono malato di calcio e NBA. Amo viaggiare e credo che l'esperienza formativa più grande sia stata visitare New York.

Caricamento...